ALPE ADRIA TRAIL: A PIEDI DAI MONTI DELLA CARINZIA AL MARE ADRIATICO

C’è un filo diretto che unisce la montagna più alta dell’Austria, il Großglockner, con Muggia e il mare Adriatico e passa per Carinzia, Slovenia e Friuli Venezia Giulia: è l’Alpe Adria Trail, il nuovo percorso di trekking che unisce sentieri già esistenti per la prima volta cartografati in maniera unitaria per creare un itinerario senza confini, fruibile dal turista grazie alla messa a punto di servizi informativi e di accoglienza.

Alpe Adria Trail è un esempio virtuoso di collaborazione tra le Regioni dell’Alpe Adria che ha come obiettivo la promozione di un prodotto turistico coordinato, la valorizzazione dell’ampia offerta del territorio e il potenziamento della cooperazione transfrontaliera nel settore turistico. 

L’Alpe Adria Trail è composto da 38 tappe, ciascuna della lunghezza di circa 17 chilometri e segnalate con una cartellonistica ideata ad hoc, che attraversano tre Paesi per un totale di 170 chilometri in linea d’aria che diventano 690 di percorso a piedi.

Ogni tappa è composta da un itinerario definito, che può essere seguito in entrambi i sensi e da scegliere a seconda del proprio allenamento e del paesaggio che si predilige. L’obiettivo infatti non è quello di arrivare in fondo ma di gustarsi il territorio, scoprirne le peculiarità oltre che le differenze e similitudini dei tre diversi Paesi.

L’itinerario di ogni tappa è studiato in modo da fornire all’escursionista servizi di accoglienza grazie alla presenza di strutture che permettono anche di entrare in contatto con le tradizioni del territorio. 

L’itinerario 

Le prime sette tappe si svolgono in Carinzia e attraversano l a Mölltal: si parte in mezzo al Parco Nazionale degli Alti Tauri e si prosegue per Heiligenblut e Grosskirchheim dove si incontrano i mulini di Apriach. Lungo il percorso si trova anche la medievale Gmünd e la Millstätter Alpe, fra le zone escursionistiche più belle della Carinzia.

Il turista si troverà in mezzo al paesaggio del Parco Nazionale dei monti Nockberge e, con una magnifica vista sull’Ossiacher See, proseguirà per l’ultima tappa che si snoda interamente in territorio carinziano, da Velden sul Wörthersee fino alla Baumgartnerhöhe, a poca distanza dal Faaker See. 

Con le tappe successive del trekking Alpe Adria Trail gli escursionisti abbandonano il territorio austriaco per entrare in Slovenia e arrivare a Kransjka Gora. Il percorso segue in gran parte il fiume Isonzo e attraversa il parco del Triglav, in mezzo alle Alpi Giulie, imbocca la strada alpina più alta della Slovenia e passa per Vršic raggiungendo Bovec fino ad arrivare a Caporetto e Tolmino. 

Da Tolmino si attraversa il confine italiano e si arriva nelle Valli del Natisone per toccare una delle tappe principali dell’itinerario del Friuli Venezia Giulia, Cividale del Friuli. Da qui si passa in Slovenia per attraversare la zona di Goriška Brda, per poi tornare in Italia in Collio. 

Cormons e Gradisca d’Isonzo sono tra le tappe cardine prima di arrivare nel Carso triestino, da dove il turista si affaccia sul mare, per fare poi una breve tappa in Slovenia e visitare l’allevamento ippico di Lipizza. L’ultima tappa porta infine a toccare con mano il mare Adriatico nel porto di Muggia. 

Il Giro delle tre Nazioni 

Chi non ha tempo di percorrere l’intero trail ma non vuole rinunciare alle emozioni di un trekking attraverso tre Nazioni, può scegliere la variante breve dell’Alpe Adria Trail: con il Giro delle tre Nazioni in sette tappe giornaliere si percorrono 123 chilometri attraverso Carinzia, Slovenia e Friuli Venezia Giulia.

Il punto di partenza carinziano si trova alla Baumgartner Höhe, vicino al Faaker See, da dove si prosegue per Warmbad Villach, Nötsch e Feistritz. Quindi si punta verso l’Italia attraverso la Val Canale e i paesi di Valbruna e Tarvisio. 

Oltre al santuario del Monte Lussari (nella foto di Carlo Spaliviero ), si toccano i laghi di Fusine e si passa ai piedi del Mangart, una delle vette più alte delle Alpi Giulie; proseguendo si entra in Slovenia a Planica, famosa per i suoi trampolini di salto con gli sci. A poca distanza si trova Kranjska Gora, stazione di sport invernali famosa a livello internazionale, da dove si parte per superare la catena delle Caravanche e ritornare al punto di partenza in Carinzia. 

Per maggiori informazioni sul tracciato: www.alpe-adria-trail.com.

Articoli correlati


30/05/2013

ALLA SCOPERTA DELLE ANTICHE STUBE TIROLESI

15/05/2013

SULLE TRACCE DEL COMMISSARIO SALVO MONTALBANO

29/04/2013

VALLE DEL SERCHIO, TRA ECCELLENZE ENOGASTRONOMICHE E PRESIDI SLOW FOOD

09/03/2013

VALLE CERVO (BI): A SPASSO TRA LE EDICOLE DEVOZIONALI

22/02/2013

RONCHIS (UD), A SCUOLA DI CIOCCOLATINI NELLA VILLA AMATA DA HEMINGWAY

21/02/2013

IL VERCELLESE, TRA RISO E STORIA

13/11/2012

ALPE ADRIA TRAIL: A PIEDI DAI MONTI DELLA CARINZIA AL MARE ADRIATICO

05/11/2012

01/10/2012

CASERE (BZ) ED IL CRISTO FUCILATO

23/07/2012

CERIGNOLA (FG): LA MADONNA DI RIPALTA E LA TAVOLA INSANGUINATA

18/07/2012

GALTELLI' (NU), IL BORGO DI "CANNE AL VENTO"

28/06/2012

MELISSA (KR): TRA IL BLU DELLO IONIO ED IL SAPORE DEL SUO VINO ANTICO

19/03/2012

IL VENERDI' SANTO A GUBBIO (PG): L'ANTICA PROCESSIONE DEL CRISTO MORTO

17/03/2012

IL SENTIERO DELLA FEDE DELLA VALLE MAIRA (CN)

05/03/2012

MONRUPINO (TS) E LA TRADIZIONE DELLE NOZZE CARSICHE

14/02/2012

QUANDO IL LAGO DI TOVEL (TN) DIVENTAVA TUTTO ROSSO

13/02/2012

LE DIMORE DELLA FEDE BENEDETTINA IN CIOCIARIA

11/02/2012

MUSEO DEL MIELE DI LAVARONE (TN): ALLA SCOPERTA DEL MONDO DELLE API

09/02/2012

SOTTO IL LAGO DI NEMI (ROMA), SULLE TRACCE DEGLI INGEGNERI ROMANI

04/02/2012

ITALIA SOTTERRANEA: IL "CISTERNONE" MILITARE DI ALBANO LAZIALE

03/02/2012

VAL DI RABBI (TN), LONTANI DALLA PAZZA FOLLA

02/02/2012

CARNEVALE A PRATO ALLO STELVIO (BZ): LA CORSA DELLE ZUSSELN

23/01/2012

STRADON DEL VIN FRIULARO (PD), TRA STORIA, NATURA E CASONI

16/01/2012

TARANTO, LA SPARTA "BASTARDA"

10/01/2012

A SAMPEYRE PER IL CARNEVALE OCCITANO

09/01/2012

IL CORTEO SINGOLARE ED ANTICO DELL'EGETMANN

04/01/2012

22/12/2011

CASTELLO DI CANNERO: L'ISOLA DELLA TORTUGA DEL LAGO MAGGIORE

18/12/2011

LA CITTA' DI LATINA COMPIE 79 ANNI

06/12/2011

BASILICA DEL CORPUS DOMINI (TO): IL MIRACOLO DELL'OSTIA SOSPESA

08/11/2011

QUELLE DI NIRANO (MO) SONO SALSE ANTICHE

07/11/2011

AGNONE (IS) ED IL RITO DEL FUOCO PIU' IMPONENTE AL MONDO

02/11/2011

L'ARDIA DI SEDILO (OR), LA CORSA PAZZA PER UN SANTO CHE SANTO NON FU

17/08/2011

PIETRACUPA (CB): I DOLORI DELL'INQUISIZIONE, LA SPERANZA DELLA "CRIPTA RUPESTRE"

11/08/2011

CIMITERO DELLE FONTANELLE, L'ANIMA RELIGIOSA E MISTERIOSA DEI NAPOLETANI

11/08/2011

IN ALTO ADIGE E' TEMPO DI "ALMABTRIEB"

07/08/2011

SULLA VIA APPIA, SULLE TRACCE DEGLI ORAZI E CURIAZI

Vi ricordate la leggenda degli Orazi e Curiazi? Secondo la versione riportata da Tito Livio (Hist. I, 24-25), durante il regno di Tullio Ostilio (VII secolo a.C.) Roma ed Alba Longa entrarono in conflitto.
28/07/2011

21/07/2011

SAN GUSME' (SI): LUCA CAVA, OVVERO L'ELOGIO DELLA PIPI'

Cerca nel sito

Cerchi qualcosa di specifico sul nostro sito? Un evento o un articolo? Compila il campo sottostante: