A chi vuole ascoltarla, la montagna sa raccontare tante vicende del passato. Come quella che riguarda Calà del Sasso (detta anche Strada dei tronchi), lassù sull'Altopiano di Asiago (Vicenza). 

C'era una volta, per la precisione era il 14° secolo, quando le esigenze delle popolazioni altopianesi di commerciare con la pianura i prodotti del proprio lavoro si scontrarono con le scarsissime vie di collegamento soprattutto vero est, dove esisteva solo la via della Val Frenzela per giungere nella Valsugana. 

Così, nel 1388 la gente di quelle parti iniziò i lavori per costruire un autentico gioiello: una lunga scalinata che partiva dal paese di Sasso e scendeva (calava, da qui Calà) dal territorio di Asiago al fondovalle sul sulle terre dell'altipiano. Durarono quattro anni i lavori di realizzazione di questa scalinata, originariamente composta di 4422 gradini, con a fianco un canalone per far scorrere a valle i tronchi di legname.

Nel 1498, in seguito all'abbassamento del greto del torrente Ronchi, fu necessario costruire un'altra rampa di 22 gradini che portò il numero complessivo a 4444. Per secoli questa fu un'arteria di vitale importanza per l'economia di Asiago. 

L' importanza della via decadde in seguito alla costruzione della rete di strade carrabili avvenuta tra la metà del secolo scorso e i primi decenni dell'attuale (iniziata con la via detta del "costo" che collega Caltrano con Asiago, realizzata a cura del Governo Austriaco intorno al 1850) e con la messa in funzione nel 1909 della ferrovia da Piovene Rocchette ad Asiago.

In seguito e fino ai tempi relativamente recenti la "Calà" è stata utilizzata dagli abitanti dei dintorni come via di comunicazione pedonale o per trasporti di merce di piccola entità a dorso di mulo.

La devastante alluvione del 1966, preceduta probabilmente dagli effetti di una non adeguata manutenzione, provocò la distruzione in più punti della "Calà" con l'asportazione della massicciata in pietra.

Negli ultimi anni la via ha riacquistato importanza come percorso turistico in considerazione del valore storico del manufatto della "Calà" (che costituisce una notevole opera di ingegneria stradale antica date le caratteristiche costruttive e tenuto conto delle difficoltà tecniche affrontate dai costruttori e dei mezzi a disposizione degli stessi) e del contesto ambientale in cui esso è inserito.

Calà del Sasso è un suggestivo itinerario per una piacevole escursione da programmare nella bella stagione: il tempo di percorrenza è sulle quattro ore e richiede un minimo d'allenamento fisico perché il dislivello è di 709 metri.

Articoli correlati


30/05/2013

ALLA SCOPERTA DELLE ANTICHE STUBE TIROLESI

15/05/2013

SULLE TRACCE DEL COMMISSARIO SALVO MONTALBANO

29/04/2013

VALLE DEL SERCHIO, TRA ECCELLENZE ENOGASTRONOMICHE E PRESIDI SLOW FOOD

09/03/2013

VALLE CERVO (BI): A SPASSO TRA LE EDICOLE DEVOZIONALI

22/02/2013

RONCHIS (UD), A SCUOLA DI CIOCCOLATINI NELLA VILLA AMATA DA HEMINGWAY

21/02/2013

IL VERCELLESE, TRA RISO E STORIA

13/11/2012

ALPE ADRIA TRAIL: A PIEDI DAI MONTI DELLA CARINZIA AL MARE ADRIATICO

05/11/2012

01/10/2012

CASERE (BZ) ED IL CRISTO FUCILATO

23/07/2012

CERIGNOLA (FG): LA MADONNA DI RIPALTA E LA TAVOLA INSANGUINATA

18/07/2012

GALTELLI' (NU), IL BORGO DI "CANNE AL VENTO"

28/06/2012

MELISSA (KR): TRA IL BLU DELLO IONIO ED IL SAPORE DEL SUO VINO ANTICO

19/03/2012

IL VENERDI' SANTO A GUBBIO (PG): L'ANTICA PROCESSIONE DEL CRISTO MORTO

17/03/2012

IL SENTIERO DELLA FEDE DELLA VALLE MAIRA (CN)

05/03/2012

MONRUPINO (TS) E LA TRADIZIONE DELLE NOZZE CARSICHE

14/02/2012

QUANDO IL LAGO DI TOVEL (TN) DIVENTAVA TUTTO ROSSO

13/02/2012

LE DIMORE DELLA FEDE BENEDETTINA IN CIOCIARIA

11/02/2012

MUSEO DEL MIELE DI LAVARONE (TN): ALLA SCOPERTA DEL MONDO DELLE API

09/02/2012

SOTTO IL LAGO DI NEMI (ROMA), SULLE TRACCE DEGLI INGEGNERI ROMANI

04/02/2012

ITALIA SOTTERRANEA: IL "CISTERNONE" MILITARE DI ALBANO LAZIALE

03/02/2012

VAL DI RABBI (TN), LONTANI DALLA PAZZA FOLLA

02/02/2012

CARNEVALE A PRATO ALLO STELVIO (BZ): LA CORSA DELLE ZUSSELN

23/01/2012

STRADON DEL VIN FRIULARO (PD), TRA STORIA, NATURA E CASONI

16/01/2012

TARANTO, LA SPARTA "BASTARDA"

10/01/2012

A SAMPEYRE PER IL CARNEVALE OCCITANO

09/01/2012

IL CORTEO SINGOLARE ED ANTICO DELL'EGETMANN

04/01/2012

22/12/2011

CASTELLO DI CANNERO: L'ISOLA DELLA TORTUGA DEL LAGO MAGGIORE

18/12/2011

LA CITTA' DI LATINA COMPIE 79 ANNI

06/12/2011

BASILICA DEL CORPUS DOMINI (TO): IL MIRACOLO DELL'OSTIA SOSPESA

08/11/2011

QUELLE DI NIRANO (MO) SONO SALSE ANTICHE

07/11/2011

AGNONE (IS) ED IL RITO DEL FUOCO PIU' IMPONENTE AL MONDO

02/11/2011

L'ARDIA DI SEDILO (OR), LA CORSA PAZZA PER UN SANTO CHE SANTO NON FU

17/08/2011

PIETRACUPA (CB): I DOLORI DELL'INQUISIZIONE, LA SPERANZA DELLA "CRIPTA RUPESTRE"

11/08/2011

CIMITERO DELLE FONTANELLE, L'ANIMA RELIGIOSA E MISTERIOSA DEI NAPOLETANI

11/08/2011

IN ALTO ADIGE E' TEMPO DI "ALMABTRIEB"

07/08/2011

SULLA VIA APPIA, SULLE TRACCE DEGLI ORAZI E CURIAZI

Vi ricordate la leggenda degli Orazi e Curiazi? Secondo la versione riportata da Tito Livio (Hist. I, 24-25), durante il regno di Tullio Ostilio (VII secolo a.C.) Roma ed Alba Longa entrarono in conflitto.
28/07/2011

21/07/2011

SAN GUSME' (SI): LUCA CAVA, OVVERO L'ELOGIO DELLA PIPI'

Cerca nel sito

Cerchi qualcosa di specifico sul nostro sito? Un evento o un articolo? Compila il campo sottostante: