FRUTTA MARTORANA, IL REGALO DEI CARI DEFUNTI

La Frutta (di) Martorana è uno tra gli emblemi delle specialità dolciarie della Sicilia, deriva il suo nome e la sua origine dal Convento omonimo in Palermo.

La Chiesa della Martorana, detta anche S. Maria dell'Ammiraglio perché fatta realizzare da Giorgio di Antiochia, ammiraglio di Ruggero II, è un edificio risalente al periodo normanno (circa 1143). La conquista normanna di Palermo avviene nell'anno 1072 da parte di Ruggero I d'Altavilla.

La tradizione vuole che nel periodo normanno le monache dell'attiguo monastero benedettino, fondato nel 1194 dalla nobile Eloisa Martorana, abbiano preparato per la prima volta dei dolci a forma di frutto (pare degli agrumi) che hanno poi appeso agli alberi in sostituzione di quelli già colti, al fine di arricchire l'aspetto del loro giardino durante la visita di un personaggio molto importante: un alto prelato o finanche un re.

Da qui il nome dato all'impasto utilizzato, Pasta Reale, composto originariamente da zucchero grezzo o miele, mandorle tritate e chiaro d'uovo, nel corso dei secoli e con alcune modifiche diventato l'odierno marzapane, e la denominazione di Frutta Martorana.

Il dono dei cari defunti - Un tempo, sempre in Sicilia, la Frutta Martorana era usata per coinvolgere i bambini nelle giornate di commemorazione dei defunti. 

Il primo di Novembre, giorno di Ognissanti, era ribattezzata  “i morti ri picciriddi": la tradizione voleva che i defunti tornassero tra i vivi e come segno del loro passaggio lasciassero in dono ai bambini dolci, caramelle ed il tradizionale cesto di Frutta Martorana con al centro un pupo di zucchero, non prima che questi la sera prima avessero sistemato le loro scarpe dietro la porta o ai piedi del letto. 

Quello era un modo per sentire più vicini e sempre presenti i propri cari scomparsi, un modo per sdrammatizzare ed esorcizzare la morte. Era il retaggio di una tradizione antichissima pre-cristiana, che serviva a ingraziarsi le anime dei defunti. 

La Frutta in casa - Gli ingredienti della Frutta Martorana sono i classici della pasticceria siciliana: farina di mandorla, zucchero semolato, glucosio, farina di  grano duro vaniglia e aromi vari; la preparazione può avvenire secondo due procedimenti: a caldo se si fa cucinare lo zucchero semolato e a freddo se al posto di quest' ultimo si usa lo zucchero a velo.

La differenza sta nel fatto che con il primo procedimento la Frutta Martorana può essere conservata anche per più mesi. Per la pittura si usano colori alimentari consenti, mentre per la rifinitura lucida si usa gommalacca decerata o benzoino lacrime depurato (un olio antiossidante).

Preparazione della pasta a freddo (Pasta di mandorle) -  1 kg di farina di mandorle; 1 kg di zucchero a velo; 8/10 gocce di essenza di mandorle oppure 1 o 2 mandorle amare che si triteranno e si uniranno alla farina; 100 gr di glucosio; qualche goccia di aroma vaniglia; 200 ml di acqua circa.

Impastare aggiungendo l'acqua necessaria affinché si ottenga un composto omogeneo che non si attacchi alle mani , aiutandosi se necessario con poco amido di mais.

Preparazione della pasta a caldo (Marzapane) - 1 kg di farina di mandorle; 1 kg di zucchero a velo;  1 fiala d’aroma alla vaniglia; 50 g di glucosio; 4-5 gocce d?aroma alla mandorla amara.

Si scioglie a fuoco basso lo zucchero a velo a cui avremo unito 200 ml d?acqua gli aromi ed il glucosio. Appena sciolto unire la farina di mandorle tutta insieme mescolando continuamente a fuoco spento.
Non appena si forma una massa consistente e compatta versare su di un piano di marmo spolverato con zucchero a velo che sostituisce la farina per evitare che si attacchi visto che l'impasto è particolarmente appiccicoso. Impastare bene aiutandosi con lo zucchero fino a formare una pagnotta soffice e liscia. Lasciar riposare per un'oretta coperta con la pellicola e lontana da fonti di calore.

Modellare i fruttini a mano libera o mettendoli nelle apposite formine.
Per fare le formine basterà della pellicola trasparente da mettere tra lo stampo e la pasta. Spingere la pasta di mandorle nelle formine e poi staccare direttamente con la pellicola. Lasciar riposare i fruttini su delle gratelle.

I colori della Frutta - Si usano quelli in polvere diluiti nell’acqua o nel rum bianco,si diluiscono le polveri nell'alcool fino ad ottenere la tonalità che ci serve.

A questo punto si comincia a spennellare ogni singolo fruttino e si mette ad asciugare. Bisognerà fare una ventina di passaggi prima di ottenere un colore brillante e naturale, poi si fanno le sfumature in base al tipo di frutta, ad esempio il verde nei mandarini o nei limoni. L'importante è che si usino prima i colori chiari e poi man mano quelli più scuri.

Si lasciano asciugare per qualche ora in un ambiente caldo ed infine si passano con una soluzione alcolica lucidante (almeno due passate).
Si lasciano asciugare si decorano con le foglioline e una spolverata leggera di zucchero a velo. Si conservano nella scatola di latta anche qualche settimana.

Articoli correlati


11/06/2013

ANCHE IL PANE IN LANGA HA UN TERRITORIO DELIMITATO

30/04/2013

ALLA SCOPERTA DELLA TROTA DELLA VALLE DEL SERCHIO

30/04/2013

IL FARRO DELLA GARFAGNANA E' IGP

29/04/2013

MONDIOLA, IL SALUME DALLE ORIGINI ANTICHE

29/04/2013

PANE DI PATATE, TRADIZIONE DELLA GARFAGNANA

29/04/2013

BAZZONE, IL PROSCIUTTO DELLA VALLE DEL SERCHIO

11/03/2013

IL BLU '61 SBARCA E SBANCA AI MAGAZZINI LONDINESI HARROLDS

13/12/2012

IL NERO DI CALABRIA, IL MAIALE SOLITARIO

05/12/2012

MORTANDELLA DELLA VAL DI NON, UN SAPORE DA SCOPRIRE

Se vi piacciono i salumi ed i sapori piacevolmente rustici, non dovete perdervi la mortadella della Val di Non, un prodotto salvato recentemente dall'estinzione.
28/11/2012

TIMORASSO TORTONESE: DALLA PESTE NERA ALLA RINASCITA

Se non siete appassionati di enologia e dintorni, probabilmente il nome Timorasso non vi dice nulla. Si tratta di un vino giovane ma che racconta una storia antica, dell'Ottocento.
26/07/2012

LO ZAFFERANO DI NAVELLI, SPEZIA PREZIOSA IN CUCINA E NON SOLO

Tra ottobre e novembre, tra i borghi antichi e le rocche medievali dell'altopiano di Navelli si estendono lunghe ed ampie distese punteggiate da chiazze roseo-violacee screziate di rosso purpureo ...
09/07/2012

OPEN DAYS, I GIOVEDI' PER CONOSCERE I GRANDI VINI DI PUGLIA

24/05/2012

TIELLA, CIBO DI CONTADINI E PESCATORI GAETANI

17/05/2012

BORLENGO, IL "CIBO SOCIALE" DELL'APPENNINO MODENESE

10/05/2012

STORIA DELLA TORTIONATA, LA TORTA DI LODI

09/05/2012

"LE VIRTU'" DELLA MINESTRA CHE SI MANGIA SOLO A MAGGIO

18/04/2012

PALERMO, LA TRADIZIONE DELLE PANELLERIE

18/04/2012

QUELLO DI PIETRACATELLO E' UN FORMAGGIO DA "MORGIA"

20/03/2012

FONTINA, BUONA DA OTTO SECOLI

13/02/2012

I PISCQUETT'L, I DOCETTI DELLA TRADIZIONE CEGLIESE (BR)

07/02/2012

PECORINO DELLE FATE, UN REGALO DELLA RARA PECORA SOPRAVISSANA

06/02/2012

06/02/2012

01/02/2012

IN VAL VEDDASCA (VA) IL PROSCIUTTO E' PROPRIO UN VIOLINO

15/01/2012

PER I NAPOLETANI ANCHE LA MINESTRA VA MARITATA

30/11/2011

I PREGI E LE INSIDIE DELLA FRUTTA SECCA

25/11/2011

RIFLESSIONI DEGUSTANDO DEL BUON LUGANA

17/11/2011

MOSTARDA, QUANDO IL DOLCE INCONTRA IL PICCANTE

16/11/2011

PANDORO, UN DOLCE DAVVERO REALE

Diverse sono le credenze circa la nascita del pandoro, il dolce veronese che con il panettone si contende il titolo di dolce natalizio per antonomasia.
14/11/2011

LA CONTROVERSA STORIA DEL TORRONE

13/11/2011

08/11/2011

IL MAIALE MERITA UN MONUMENTO

31/10/2011

FORMADI FRANT, IL FORMAGGIO DI RECUPERO

25/10/2011

FRUTTA MARTORANA, IL REGALO DEI CARI DEFUNTI

24/10/2011

IL BASILICO SI TINGE DI ROSSO

21/10/2011

TANTI EVENTI ALLA BANCA DEL VINO DI POLLENZO (CN)

20/10/2011

PROTEGGI LA MALVASIA ROSA, ADOTTA IL SUO VITIGNO

15/10/2011

Cerca nel sito

Cerchi qualcosa di specifico sul nostro sito? Un evento o un articolo? Compila il campo sottostante: